Ennesimo episodio di vandalismo a Testaccio. Distrutto il vaso e gettata a terra la pianta di oleandro piantata dal Circolo di Sinistra Ecologia Libertà Testaccio. Mauro Cioffari (SEL): “Un vaso rotto non può fermare la nostra speranza di cambiamento”.

20130309_084801 (Copia)Roma – Ennesimo episodio di vandalismo a Testaccio. Ignoti, durante la notte tra venerdì 8 e sabato 9 marzo, nei pressi di Via Nicola Zabaglia n. 24, hanno distrutto il vaso e gettato a terra la pianta di oleandro che gli iscritti e i simpatizzanti di Sinistra Ecologia Libertà, per abbellire una porzione di area condominiale del marciapiede, avevano collocato all’ingresso della sezione del partito.

Dalla scorsa estate, sul marciapiede di Via Nicola Zabaglia, nel quartiere di Testaccio, grazie ad una sottoscrizione volontaria, una piccola pianta di oleandro dava il benvenuto alle cittadine e ai cittadini che partecipavano alle numerose iniziative organizzate nel Circolo di Sinistra Ecologia Libertà del Rione (presentazioni di libri, cineforum, assemblee pubbliche, attività gestite dal Gruppo di Acquisto Solidale “Testaccio Meticcio”, corsi di fotografia, corsi di lingua spagnola, sportelli di assistenza legale gratuita, ecc.).

Grazie alla presenza di quel vaso, il marciapiede, che da troppo tempo veniva utilizzato come parcheggio di auto di ogni cilindrata e di varia grandezza, era tornato alla sua funzione naturale: luogo di transito e di passeggio dei pedoni, di bambini e di bambine, di persone giovani e di persone anziane, di sedie a rotelle e di passeggini.

Laddove il buonsenso di alcuni automobilisti non arrivava a concepire che i marciapiedi sono dedicati ai pedoni e non al parcheggio di automobili, il piccolo oleandro, con la sua presenza, da circa 6 mesi, aveva “rieducato” gli stessi al rispetto altrui, almeno in quel breve tratto di strada di Via Nicola Zabaglia compreso tra Via Alessandro Volta e Via Galvani.

20130309_092543 (Copia)Trovare, questa mattina, la pianta di oleandro a terra ed il vaso ridotto a pezzi ci ha molto rattristati. La movida del fine settimana e la legittima voglia di svago (di giovani e meno giovani) non può giustificare la mancanza di rispetto e l’inciviltà del gesto compiuto ai danni di un oleandro e di un vaso.

Ogni fine settimana i cittadini e le cittadine residenti nel Rione Testaccio subiscono danni (schiamazzi notturni fino all’alba, musica ad alto volume, specchietti e finestrini delle auto distrutti, biciclette rubate, bottiglie di vino e di birra gettate a terra, disturbo della quiete pubblica, ecc.).


L’oleandro ed il vaso, rappresentavano, per noi, una piccola speranza. La speranza che i rapporti tra persone potessero cominciare ad essere impostati sul rispetto reciproco (anche se “indotto”). Ma non ci arrendiamo: raccoglieremo altri soldi, compreremo un nuovo vaso, più bello e più solido, ripianteremo l’oleandro, al momento riparato dentro il Circolo di SEL, e continueremo la nostra azione con la volontà di rendere il nostro Rione e la nostra città migliori e più vivibili.

Un ringraziamento forte agli operatori ed alle operatrici dell’AMA che si sono prodigati per raccogliere i cocci, recuperare la terra in sacchi di plastica e ripulire con cura tutta l’area interessata. Un grande gesto di generosità, professionalità ed umanità.

Mauro Cioffari
Sinistra Ecologia Libertà
Circolo di Testaccio – San Saba – Aventino
Via Nicola Zabaglia, 24 00153 Roma
Cell. 347 4502150
Tel. 06 57301145 Fax 06 5896694
maurocioffari@gmail.com
seltestaccio@gmail.com
http://www.selroma1.org

20130309_093343 (Copia) (Copia)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...